FedeltÓ del Suono 212Scarica il PDF

« torna alle recensioni


CAVO DI ALIMENTAZIONE "RIGEL"



"SOTTO UNA BUONA STELLA"   
Di Alberto Guerrini


La filosofia Epicurea cosa ha a che spartire con la costruzione di apparecchiature hi- fi? Per Stefano Buttafoco è ben chiaro, quando parla del nome della sua azienda, ovvero Clinamen Audio. Clinamen vuole infatti significare la variazione di traiettoria degli atomi, supposti accomunati da un moto rettilineo, nella loro costante caduta nel vuoto. 

Ovviamente il significato per l’autore è la generazione del suono di per sé stesso, come risultato di queste alterazioni di traiettoria degli atomi. Beh direi che il tenore dell’approccio al mondo audiofilo, abbia poco o nulla a che fare con la superficialità, quantomeno leggendo una spiegazione così profonda racchiusa nel nome dell’azienda. Lo stesso logo scelto rappresenta sia un pentagramma che le traiettorie parallele di alcuni atomi tra i quali uno prende una deviazione che descrive una chiave di basso. Vi basta?

Vorrei aggiungere che nella sua breve biografia, il nostro Stefano sostiene di tenere così tanto al risultato sonico finale delle proprie creazioni, da frequentare in maniera assidua le botteghe di liuteria, dove è possibile apprezzare in maniera assoluta il timbro che debbano avere i vari strumenti ivi realizzati. Percorrere questa “Via Naturale del Suono” è quindi la reale filosofia che spinge Clinamen Audio alla ricerca del suono assoluto, ovviamente utilizzando come tramite apparecchi concepiti e realizzati attraverso l’utilizzo di una componentistica “no compromise”. 

Per leggere la recensione completa scaricate il pdf sottostante




Scarica il PDF dell'articolo